Il Principe

Il Principe, dall’omonima opera di Nicolò Machiavelli, è lo spettacolo con cui è stata inaugurata, nel marzo 2017, la Sala Di Martino.

In questa originale rilettura del trattato di Machiavelli, il regista, avvalendosi di pochi oggetti scenici sparsi per la sala (libri ammassati, una macchina per scrivere, un feretro coperto da una bandiera rossa con l’immagine di Che Guevara, tanti gratta e vinci, un coltello e una rosa, uno schermo tv ed un cellulare), propone tre personaggi: un padre, una madre ed un figlio alle prese coni progetti, le inquietudini, le aspettative, le delusioni degli italiani contemporanei. La fine tecnica di scrittura del Machiavelli viene accostata in una convincente sequenza di veloci battute e azioni, che animano i personaggi in un gioco scenico ispirato dalla più scottante contemporaneità.

Sotto l’attento sguardo del pubblico si muovono in scena un figlio che si interroga sul potere ed i suoi genitori che si scontrano e poi convergono sui principi della sua formazione. Nei loro incontri-scontri c’è la necessità di mantenere il potere, ma i principi democratici cozzano contro quella strategia.

L’atto unico invita, quindi, a riflettere sulla scalata e sul mantenimento del potere, tema di grande attualità che il regista legge, mettendo sul piatto, focalizzando ed ingigantendo una miriade di aspetti.

I protagonisti della pièce sono Sabrina Tellico, l’intensa e vibrante madre, Daniele Scalia, il combattuto e deciso padre, ed Antonio Starrantino, il figlio indeciso sulle decisioni da prendere e sul percorso da seguire.

Gli interventi musicali sono di Massimiliano Tellico e Alessandra Guglielmino, le luci di Elvio Amaniera e la regia di Elio Gimbo.